sabato 1 novembre 2008

Gli errori della pinneggiata....seconda parte

In questo post vedremo gli errori della pinneggiata dovuti alla posizione del corpo.

TESTA IPERESTESA
L'apneista tende a guardare nella direzione verso cui si sposta.
Si tratta di una posizione istintiva che però implica un'iperestensione della testa.
Questo è un tipico errore dovuto essenzialmente all'ansia generata dalla paura di scontrare ostacoli e alla rigidità del collo.
L'iperestensione della testa comporta la contrazione dei muscoli cervicali e del trapezio e di conseguenza dolori al collo e alle spalle. Questa contrazione costante provoca un dispendio maggiore di ossigeno.
Per correggere questo errore si possono effettuare percorsi di apnea dinamica con le braccia distense in avanti mantenendo la testa in mezzo alle braccia e in modo tale che le orecchie sfiorino gli arti superiori.
Altrimenti durante la pinneggiata cercare di tenere lo sguardo davanti a noi verso il basso.

POSIZIONE INARCATA DEL CORPO
La posizione del subacqueo è completamente inarcata con la testa e la colonna iperestese.
Questa postura è generata dall'iperestensione della testa, dalla rigidità di bacino e spalle e da una tensione muscolare di tutto il tronco dovuta all'ansia.
Gli effetti di questo errore sono numerosi: si va dalla scarsa idrodinamicità, alla difficoltà di mantenere la profondità durante l'apnea dinamica all'avere un assetto positivo.
Da un punto di vista fisiologico questa posizione comporta un rapido affaticamento e uno scarso rendimento, ma soprattutto comporta una sollecitazione sbagliata di muscoli dorsali, addominali e della colonna. Quindi a causa della postura sbagliata è facile avere dolori alla schiena.
Per correggere questo errore si può effettuare il nuoto pinnato in superficie cercando di allungarsi il più possibile sull'acqua ed è fondamentale effettuare tanti esercizi di stretching (anche per la colonna) e di potenziamento dei muscoli posturali (addominali e dorsali).

SPALLE SOLLEVATE E TESTA INCASSATA
Le spalle sono sollevate e la testa è incassata in mezzo ad esse; già visivamente si osserva una tensione muscolare della parte alta del tronco soprattutto a carico delle spalle
Questa tensione muscolare è dovuta a fattori emotivi ma anche a problemi articolari a carico della spalla ma anche dal freddo.
Gli effetti di questo errore sono una posizione non rilassata con probabile assetto sbagliato e una scarsa penetrazione nel fluido.
Per correggere questa postura sbagliata bisogna cercare di concentrare la posizione delle braccia: devono essere lungo i fianchi e soprattutto rilassate.
Per verificare se c'è tensione muscolare provare a effettuare dei piccoli movimenti della testa e delle spalle e "sentire" scorrere l'acqua sulle spalle di modo che esse assumano una posizione naturale.

INVERSIONE DEL ROLLIO DELLE SPALLE
Associato al movimento dell'arto inferiore in andata c'è il movimento di avanzamento della spalla controlaterale quindi spalla destra- gamba sinistra e spalla sinistra - gamba destra.
In questo tipo di errore l'azione è invertita quindi con la gamba destra è abbinato il braccio destro.
Le cause di questa inversione sono da ricercare nella mancanza di controllo e coordinazione dell'azione spesso dovute allo stress.
Gli effetti sono riscontrabili a livello dell'assetto che è soggetto a continui cambiamenti.
Per correggere si può pinneggiare in posizione verticale di fronte al bordo vasca tenendo le mani sul bordo: con le braccia tese si deve cercare di sentire la spinta sulla mano sinistra in fase di pinneggiata avanti della gamba destra e viceversa.

Anche per individuare e correggere questo tipo di errori è fondamentale fare analizzare dagli altri la nostra pinneggiata...vorrei sottolineare che alla base di questi errori c'è soprattutto la poca conoscenza e un utilizzo inappropriato di quelli che sono i nostri muscoli posturali...quindi gli esercizi di correzione in piscina sono fondamentali perchè ci permettono di rapportarci al mezzo acquatico ma bisogna lavorare anche a secco sullo stretching di tutti i muscoli...non riusciremo mai a correggere questi errori se prima non allentiamo tutte le tensioni muscolari che abbiamo!!
Alla prossima!!
I disegni sono tratti da "Corso di Apnea" di Pelizzari-Tovaglieri

2 commenti:

gavriol ha detto...

Un consiglio giustissimo quello di farsi guardare dal compagno.
Molti di questi errori non sono facilmente riscontrabili dal soggetto in azione.
Come sempre GRANDE ILA(Anguilla elettrica)

ilaria - anguilla elettrica ha detto...

Anche in questo post ho cercato di sottolineare l'importanza dei compagni e dell'istruttore per potersi migliorare...
il lavoro individuale su noi stessi è fondamentale perchè tutto parte dalla nostra volontà ma il lavoro di squadra e il fare gruppo sono il valore aggiunto.